GLI STEP

  • Incontri per la definizione del progetto con i responsabili del Museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso”
  • Incontri con i Direttori degli istituti di pena di Torino, Saluzzo e Alessandria per la presentazione del progetto
  • Incontri di presentazione del progetto con i detenuti delle strutture, raccolta adesioni, colloqui per definire i partecipanti (uomini a Saluzzo, donne a Torino)
  • Pianificazione degli incontri in carcere tra detenuti, operatori, professionisti. Il fine è favorire la discussione più approfondita sui temi del progetto (storia del museo Lombroso, teorie positiviste, foto segnaletiche, raccolte artistiche, ruolo del cervello, leggi, scoperte genetiche, pregiudizi sociali)
  • Corso di fotografia con i partecipanti (Saluzzo e Torino)
  • Allestimento set e realizzazione degli scatti fotografici fuori e dentro il carcere, previa liberatoria
  • Stampa prima selezione scatti nel laboratorio di Stampatingalera
  • Preview Mostra a Venezia, presso la Fondazione Bevilacqua La Masa in occasione dell’esposizione “De L’Ombre à la Lumière”
  • Ricerca risorse economiche
  • Realizzazione sito web Face to Face
  • Progetto di comunicazione
  • Pianificazione tour mostra itinerante
  • Presentazione ufficiale del progetto-allestimento mostra dei ritratti anonimi presso il Museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso”, e convegno dedicato
  • Possibilità di portare una selezione di detenuti alla presentazione e in visita al museo Lombroso in occasione dell’inaugurazione della mostra
  • Diffusione itinerante della mostra con allestimento videoinstallazione e realizzazione di un catalogo fotografico.